Calcoli nella prostata e nella vescica grove ga

calcoli nella prostata e nella vescica grove ga

Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l' Read more Culturale Pediatri. È tempo di dire basta? Come farlo? La presentazione di due casi che descrivono il possibile interessamento ematologico del LES la piastrinopenia, talvolta associata ad anemia autoimmune. Si tratta di una malattia severa, con nuove linee guida sulla classificazione pubblicate nelda conoscere nelle diverse modalità di presentazione e nei trattamenti spesso complessi. Due storie simili, anche se nella loro caratterizzazione ed evoluzione in parte diverse. La trombocitopenia immune calcoli nella prostata e nella vescica grove ga la sindrome da anticorpi anti-fosfolipidi sono a volte coesistenti in giovani pazienti con il LES. La base è autoimmune, con meccanismi patogenetici contrapposti. Si tratta di saper mirare la terapia, avendo individuato le condizioni che ci consentono di arrivare a una diagnosi precoce. Staccioni, C. Guadagno, L.

J Urol c; Carcinoma in situ. Intravesical gemcitabine therapy for superficial transitional cell carcinoma of the calcoli nella prostata e nella vescica grove ga a phase I and pharmacokinetic study. The role of adjuvant chemotherapy for locally advanced bladder cancer. World J Urol ; Liotta L, Schiffman E. Tumor autocrine motility factors. Important advances in oncology.

A phase Calcoli nella prostata e nella vescica grove ga study of gemcitabine in patients with transitional cell carcinoma of the urinary tract previously treated with platinum.

Italian Co-operative Group on Bladder Cancer. Eur J Cancer ; Bladder cancer. Five-year followup of a prospective trial of radical cystectomy and neoadjuvant chemotherapy: Nordic Cystectomy Trial I.

Analysis of failure following definitive radiotherapy for invasive transitional cell carcinoma of the bladder. Phase II trial of docetaxel in patients with advanced or metastatic transitional-cell carcinoma.

Tumori ; Montie JE. Follow-up after cystectomy for carcinoma of the bladder. Gemcitabine: a promising new agent in the treatment of advanced urothelial cancer.

Prognosis and treatment of T1G3 bladder tumours. A prognostic factor analysis of patients. Eur J Cancer ; 30A: Gender differences in stage-adjusted bladder cancer survival.

Risonanza magnetica alla prostata quando dura para

Urology ; [ Medline ]. A prospective European Organization for Research and Treatment of Cancer Genitourinary Group randomized trial comparing transurethral resection followed by a single intravesical instillation of epirubicin or water in single stage Ta, T1 papillary calcoli nella prostata e nella vescica grove ga of the bladder.

Prognostic factors for recurrence and followup policies in the treatment of superficial bladder cancer: report from the British Medical Research Council Subgroup on Superficial Bladder Cancer Urological Cancer Working Party.

Cancer and infection: estimates of the attributable fraction in Cancer Epidemiol Biomarkers Prev ; 6: [ Medline ]. Weekly gemcitabine in advanced bladder cancer: a preliminary report from a phase I study. Ann Oncol ; 5: Richie JP. Surgery for invasive bladder cancer. Significant activity of paclitaxel in advanced transitional-cell carcinoma of the urothelium: a phase II trial of the Eastern Cooperative Oncology Group.

Rotman M, Aziz H. Bladder carcinoma. Sequelae of treatment. Principles and peactice of radiation oncology. The early detection and diagnosis of bladder cancer: a critical review of the options. Eur Urol ; [ Medline ]. Review of chromosome studies in urological tumors.

Cytogenetics and molecular genetics of bladder cancer. Neoadjuvant chemotherapy for invasive bladder cancer: prognostic factors for survival of patients treated with M-VAC with 5-year follow-up. Docetaxel and cisplatin in metastatic urothelial cancer: a phase II study. Gemcitabine in intravesical treatment of Ta-T1 transitional cell carcinoma of bladder: Phase I-II study on marker lesions.

Overview of bladder cancer trials in the Radiation Therapy Oncology Group. The role of please click for source chemotherapy following cystectomy for invasive bladder cancer: calcoli nella prostata e nella vescica grove ga prospective comparative trial.

Treatment of advanced bladder cancer with combined preoperative irradiation and radical cystectomy versus radical cystectomy alone: a phase III intergroup study.

La masturbazione puo alterare i valori della prostata

The development of a multitarget, multicolor fluorescence in situ hybridization assay for the detection of urothelial carcinoma in urine.

J Mol Diagn ; 2: [ Medline ]. Results of radical cystectomy for transitional cell carcinoma of the bladder and the effect of chemotherapy. Cancer ; The prognostic value of the pathological response to combination chemotherapy before cystectomy in patients with invasive bladder cancer.

Phase II study of single-agent gemcitabine in previously untreated patients with metastatic urothelial cancer.

Uomo massaggio prostatico trento

Stadler WM. Gemcitabine doublets in advanced urothelial cancer. Lower urinary tract reconstruction following cystectomy in women using the Kock ileal reservoir with bilateral ureteroileal urethrostomy: initial clinical experience. Chemotherapy with an everyweek regimen of gemcitabine and paclitaxel in patients with transitional cell carcinoma who have received prior cisplatin-based therapy.

Cancer d; [ Medline ]. Sternberg CN, Calabro F. Neo-adjuvant chemotherapy in invasive bladder cancer. World J Urol a; Systemic chemotherapy of calcoli nella prostata e nella vescica grove ga bladder cancer. Bladder cancer biology, diagnosis, and management. Oxford: Oxford University Press. Randomized phase III trial of high-dose-intensity methotrexate, vinblastine, doxorubicin, and cisplatin MVAC chemotherapy and recombinant human granulocyte colony-stimulating factor versus classic MVAC in advanced urothelial tract tumors: European Organization for Research and Treatment of Cancer Protocol no.

J Clin Oncol b; Calcoli nella prostata e nella vescica grove ga Oncol ; 4: Can patient selection for bladder preservation be based on response to chemotherapy? Neoadjuvant chemotherapy is not yet standard treatment for muscle-invasive bladder cancer. Neoadjuvant and adjuvant chemotherapy in advanced disease—what are the effects on survival and prognosis?

Int J Urol b; 2 Suppl 2: Non transitional cell bladder cancer. Principles and practice of genitourinary oncology. Gemcitabine, paclitaxel, pemetrexed and other newer agents in urothelial and kidney cancers. Sternberg CN. Chemotherapy for local treatment of bladder cancer. Semin Radiat Oncol ; [ Medline ].

Current perspectives in muscle invasive bladder cancer. Eur J Cancer a; [ Medline ]. Neo-adjuvant and adjuvant chemotherapy of bladder cancer: Is there a role? Ann Oncol b; 13 Suppl The treatment of advanced bladder cancer.

Ann Oncol a; 6: Stewart BW, Kleihus P, editors. World Cancer Report. Adjuvant polychemotherapy of nonorgan-confined bladder cancer after radical cystectomy revisited: long-term results of a controlled prospective study and further clinical experience. Ileal orthotopic bladder substitutes. Sylvester R, Sternberg C. The role of adjuvant combination chemotherapy after cystectomy in locally advanced bladder cancer: what we do not know and calcoli nella prostata e nella vescica grove ga.

In letteratura sono descritti i più varî provvedimenti per un calcolo insorto durante la gravidanza, dalle manovre endoscopiche ed endourologiche cateterismo ureterale, posizionamento di stent, nefrostomia percutanea alla chirurgia a cielo aperto.

Diagnostica con il contributo di Enrico Palminteri Gli effetti fisiopatologici più importanti della calcolosi sono legati all'ostruzione parziale o completa delle vie escretrici. Questa, inizialmente determina una rapida ridistribuzione del flusso ematico renale dalla midollare ai nefroni corticali e poi, calcoli nella prostata e nella vescica grove ga in successione attraverso la riduzione della filtrazione glomerulare, della funzione glomerulo-tubulare e del flusso ematico renale, giunge infine, ad una progressiva diminuzione della funzionalità dell'organo [40].

PAG 13 1 AUrO line - Linee guida per la calcolosi urinaria Sul piano anatomo-patologico l'ostruzione causa a livello calcoli nella prostata e nella vescica grove ga via escretrice superiore un'ipertrofia della muscolatura dopo 3 giorni di ostruzione [41] ed un successivo deposito di materiale connettivo tra le fasce muscolari dopo 8 settimane con conseguente diminuzione della peristalsi ureterale. A livello renale, l'ostruzione, in seguito ad una dilatazione dei calici che si distendono verso la capsula calcoli nella prostata e nella vescica grove ga, causa atrofia e distruzione parenchimale.

Una domanda che non trova una facile risposta é: in caso di ostruzione, per quanto tempo sarà lecito rimandare il trattamento della calcolosi, evitando che la funzionalità renale si danneggi irrimediabilmente? Queste modificazioni risultano ritardate nel tempo in presenza di una ostruzione parziale, tuttavia anche in questa circostanza é possibile l'instaurarsi di here funzionali irreversibili. Nel momento in cui le indagini rivelano una modica idronefrosi é ipotizzabile che il calcolo causi una ostruzione incompleta.

Qualora i controlli radiografici successivi rivelino una progressione del calcolo senza incremento dell'ostruzione, sarà possibile adottare ancora un atteggiamento attendistico. L'iperparatiroidismo in particolare, spesso si presenta con una storia di fratture ossee, ulcere peptiche e pancreatiti, associate ad una calcolosi.

Esame delle urine E' un esame indispensabile per un primo orientamento diagnostico e, successivamente, di grande aiuto nell'inquadramento etiopatogenetico della patologia.

Nella restante parte dei casi calcoli invisibili si dovrà quindi ricorrere ad altre indagini [45]. I fleboliti delle vene pelviche, ad esempio, sono in genere arrotondati e si collocano lateralmente al decorso dell'uretere normale; il loro centro spesso é radiotrasparente, con un alone periferico più denso [45].

In rare occasioni la radiografia senza mezzo di contrasto esprime dei quadri che sono patognomonici di determinate condizioni morbose: é il caso della nefrocalcinosi con aspetto a "cavolfiore" che, indirizzando verso un'acidosi renale tubulare distale, rende imperativo uno studio metabolico approfondito [48].

Ecografia addome L'ecografia oggi costituisce l'esame preliminare basilare per lo studio della calcolosi urinaria. Il vantaggio di essere una metodica largamente disponibile, poco costosa, di rapida esecuzione oltreché non invasiva rende ragione del suo sempre maggiore impiego nello studio di molteplici patologie a source addomino-pelvica: tutto questo ha determinato da una parte un precoce riconoscimento della patologia urolitiasica anche da parte del medico generico e dall'altra un incremento del rilievo incidentale di calcolosi.

L'ecografia fornisce informazioni su: -presenza di calcoli sia radiopachi che radiotrasparenti ignorati dalla radiografia senza mezzo di contrasto -presenza di dilatazione delle vie escretrici seleziona, quindi i casi con sospetta ostruzione -quantità di parenchima residuo del rene ostruito informazione insenza mezzo di contrasto sulla funzione renale -aspetti morfologici dell'apparato urinario ad es.

L'ecografia offre l'opportunità di studiare l'apparato urinario anche in soggetti con reni scarsamente funzionanti oppure allergici al mezzo di contrasto; inoltre lo studio del rene avviene in condizioni più fisiologiche, non essendo presente uno stato "diuretico" come avviene dopo stimolazione con il mezzo di contrasto [49]. Il rilevamento di tale segno ecografico influenzerà prepotentemente il successivo iter check this out. La metodica urografica é importante soprattutto perché ci consente di approfondire 4 punti: PAG 23 1 AUrO line - Linee guida per la calcolosi urinaria - sospetta calcolosi radiotrasparente -studio morfologico di tutto l'apparato urinario -valutazione funzionale -presenza, sede e grado dell'ostruzione.

La litiasi radiotrasparente, soprattutto se dell'uretere distale, spesso non viene evidenziata dagli esami preliminari ecografia e radiografia dell'addome senza mezzo di contrasto. Lo studio urografico consente di evidenziare il calcolo come un difetto di riempimento nell'ambito della via escretrice opacizzata dal mezzo di contrasto. Tuttavia a tal riguardo possono sorgere dei problemi di diagnosi differenziale con tumori della via escretrice o coaguli per i quali sarà necessario ricorrere ad un approfondimento diagnostico con metodiche supplementari pielografia, TAC, pielo- RMN, ureteroscopia.

Uno studio morfologico complessivo delle vie escretrici é indispensabile per rilevare quelle malformazioni o patologie concomitanti che possono essere sia associate sia essere la causa patogenetica della litiasi, e che richiedono una risoluzione chirurgica.

Ha inoltre un'importanza massima nell'indagare quelle ostruzioni già segnalate dall'ecografia. E' opportuno a questo proposito sottolineare l'utilità di eseguire sempre l'urografia nei pazienti con calcolosi, in quanto l'esame potrebbe rilevare un'ostruzione senza dilatazione non evidenziabile dall'ecografia. Il primo segno indiretto di una calcolosi ostruente é il calcoli nella prostata e nella vescica grove ga di concentrazione del mezzo di contrasto nei nefrogrammi successivi alla somministrazione di quest'ultimo; i comuni radiogrammi a minuti dalla somministrazione del mezzo di contrasto, in presenza di un ritardo di eliminazione, non saranno utili a definire la presenza e la sede del calcolo; sarebbe più proficuo, invece, attendere i radiogrammi tardivi: non solo fino a minuti, ma anche diverse ore dopo o persino il giorno dopo la somministrazione del mezzo di contrasto [55].

In presenza di una litiasi ostruente bisogna considerare la possibilità di uno stravaso urinario spontaneo in corrispondenza dei fornici successivo alla pielografia per infusione e di una più rara rottura spontanea della pelvi o dell'uretere [56]: per ovviare a queste possibili complicanze sono state suggerite diverse metodiche e tempi di infusione del mezzo di contrasto; attualmente, sembra preferibile fare ricorso alla somministrazione ripetuta in bolo oppure utilizzare altri metodi di visualizzazione delle via escretrici Visit web page, ecc.

In caso di ostruzione acuta l'urografia é solitamente diagnostica idronefrosimentre in caso di ostruzione cronica esordio subdolo spesso ci dimostra una mancata visualizzazione del rene rene escluso a causa della compromissione della funzione renale o per altre cause. Quindi in presenza di un'ostruzione datata, l'indagine in questione é spesso inadeguata; inoltre, anche se l'idronefrosi é vagamente identificata al pielogramma venoso, l'esatta sede, l'eziologia dell'ostruzione e la natura della calcolosi possono apparire oscure.

Attualmente, la scarsa diffusione dell'apparecchiatura necessaria limita notevolmente l'utilizzo dell'Eco-color Doppler; non é difficile, comunque, prevedere un incremento progressivo del suo impiego dal momento che consente un'attendibile ricerca delle alterazioni emodinamiche secondarie ad una sofferenza parenchimale. L'Eco-color Doppler tramite lo studio dell' I.

calcoli nella prostata e nella vescica grove ga

Il limite superiore della norma é 0,7; un I. Nell'ostruzione acuta assistiamo ad un aumento dell'I. Calcoli nella prostata e nella vescica grove ga importante sottolineare che anche in assenza di dilatazione, c'é comunque un aumento pressorio calico-pielico e, quindi intratubulare, che calcoli nella prostata e nella vescica grove ga ai capillari peritubulari, finisce col ripercuotersi sull'indice in questione.

PAG 25 1 AUrO line - Linee guida per la calcolosi urinaria Meno significativo risulta, invece il comportamento del parametro nelle condizioni ostruttive croniche nelle quali si trovano spesso valori normali, poiché verosimilmente si sono instaurate delle nuove condizioni emodinamiche. Infine, una dilatazione senza aumento dell'I. L'Eco-color Doppler riconosce le pseudo idronefrosi da vasi venosi ectasici e da aneurismi arteriosi localizzati nel seno renale [64].

Con il termine jet ureterale intendiamo riferirci alla rilevazione del flusso urinario dal meato ureterale omolaterale alla via escretrice indagata per l'ostruzione. L'evidenziazione del jet, in presenza di una dilatazione del sistema collettore, discrimina tra un'ostruzione parziale o completa, fornendoci decisive informazioni sul grado e sulla modificazione nel tempo dello stato ostruttivo. In quest'ultimo caso le indagini pielografiche consentiranno anche il tempestivo drenaggio del sistema collettore che successivamente potrà costituire un valido supporto alle terapie endourologiche o extracorporee.

PAG 26 1 AUrO line - Linee guida per la calcolosi urinaria 2 in tutti i casi in cui l'urografia non dirima i dubbi su un difetto di riempimento radiotrasparente. Scintigrafia renale Ad eccezione dei pazienti allergici al mezzo di contrasto, nei quali le indagini radioisotopiche possono svelare la localizzazione dei calcoli ed il grado dell'eventuale ostruzione, in generale possiamo affermare che la scintigrafia non riveste un ruolo nella diagnostica della litiasi, calcoli nella prostata e nella vescica grove ga ha invece una pratica utilità qualora l'urografia dimostri una ridotta o assente eliminazione del mezzo di contrasto da parte di un rene [65].

Le misurazioni quantitative in segmenti diversi del rene malato oppure in un rene con calcoli in confronto al rene controlaterale apparentemente normale, possono definire quale intervento sia più appropriato per la rimozione dei calcoli, arrivando ad indicare nei casi più gravi la nefrectomia read article o totale.

Nel renogramma curva di captazione di ogni rene, la fase precoce permette una valutazione accurata della funzione differenziale. Infatti in un rene con funzionalità compromessa la pendenza di questa fase sarà ridotta ed il tempo di picco allungato. A tal proposito bisogna ricordare che una scansione di eliminazione con furosemide serve a differenziare tra idronefrosi ed ostruzione funzionale a livello del giunto pielo ureterale o dell'uretere [66].

Questo dato porrebbe indicazioni diverse alla semplice rimozione del calcolo, in quanto potrebbe rendersi necessario l'intervento di correzione delle cause ostruttive. TAC La TAC ha un ruolo estremamente limitato e preciso solo in quei casi selezionati in cui sia l'ecografia, l'urografia e la pielografia non siano riuscite a fornire tutte le informazioni utili a dirimere i dubbi diagnostici. La metodica presenta le seguenti potenzialità diagnostiche, pur con i limiti dimensionali di risoluzione: 1 Stabilisce l'eziologia dei difetti di riempimento radiotrasparenti, soprattutto di learn more here in sede ureterale non esplorabili con l'ecografia; nella diagnosi differenziale con i tumori uroteliali ci si serve di scansioni sia con che senza il mezzo di contrasto: quest'ultimo potrebbe mascherare il calcolo.

Inoltre anche se la TAC non é necessaria per rilevare un'idronefrosi, ciononostante questa fornisce dati aggiuntivi utili. La TAC consente di riconoscere uno stato ostruttivo lieve e recente, caratterizzato da una dilatazione e opacizzazione ritardata di calici-pelvi-uretere con successiva riduzione della funzione renale ed assenza di enhancement del sistema idronefrotico [69].

L'ostruzione grave e di lunga durata é invece caratterizzata da un assottigliamento read more parenchima che appare come un guscio di tessuto che circoscrive la sacca idronefrotica a differenza delle cisti semplici lo strato corticale circostante tale sacca assume contrasto.

Le misurazioni di densità in Unità Hounsfield quindi, possono essere utili nel determinare la composizione dei calcoli che appariranno comunque sempre "bianchi" compresi i radiotrasparenti alle calcoli nella prostata e nella vescica grove ga TAC [70,71].

Un'ostruzione parziale rischia di essere misconosciuta in presenza di una dilatazione minima con buona funzione renale, soprattutto se non si fa uso del mezzo di contrasto. Alla fine quindi un test funzionale più quantitativo, come l'urografia, risulta maggiormente accurato nel rilevare o escludere una ostruzione. In caso di ostruzione otteniamo dei reperti RM specifici segni morfologici e segni funzionali : nell'ostruzione cronica verrà rilevato l'assottigliamento parenchimale e la dilatazione ureterale [73].

Nell'occlusione ureterale acuta le alterazioni fisiologiche parenchimali si riflettono in modificazioni dell'intensità del segnale RMN; il contenuto idrico della corticale aumenta e di conseguenza si perde la normale distinzione cortico-midollare [74]; nel rene normale, l'intensità di segnale della midollare mostra PAG 29 1 AUrO line - Linee guida per la calcolosi urinaria un calo durante l'escrezione di urina ad calcoli nella prostata e nella vescica grove ga concentrazione dell'agente contrastografico Gd-DTPA ; al contrario, in reni ostruiti, si osserva un aumento del segnale [75].

Inoltre é importante evidenziare come i calcoli non risultino apprezzabili nella maggior parte delle sequenze. L'assenza di radiazioni ionizzanti é un vantaggio limitato rispetto alla TAC. In più la metodica é in grado di rilevare alcuni aspetti fisiologici del rene ostruito e le caratteristiche RMN della lesione ostruttiva possono essere tipiche di un dato processo tumore o fibrosi.

Ureterorenoscopia L' indicazione all'uso diagnostico di questa metodica invasiva é la risoluzione di un dubbio diagnostico dopo che tutte la altre indagini hanno fallito. L'impiego della ureteroscopia inoltre, presuppone quasi sempre un immediato e successivo passo terapeutico nell'arco della stessa seduta.

Negli ultimi anni comunque, l'evoluzione tecnica ha permesso la realizzazione di ureterorenoscopi di diametro decisamente inferiore al diametro medio del lume ureterale miniscopes obbligandoci a rivedere il concetto di 'invasività' relativo all'uso diagnostico-terapeutico di questa metodica VEDI 2.

Per espulsione spontanea. Per dissoluzione con terapia orale. Per estrazione cieca con strumenti quali anse e cestelli. Per frammentazione ed eventuale estrazione dei frammenti con l'impiego dell'ureterorenoscopio attraverso le vie naturali.

Per ablazione chirurgica a cielo aperto o con tecnica laparoscopica o retroperitoneoscopica. L' indicazione al trattamento è legata alla natura, alle dimensioni, alla sede del calcolo e alle condizioni della via escretrice. Fortunatamente la maggior parte degli episodi di nefrolitiasi sono seguiti dall'espulsione spontanea dei calcoli. Per i calcoli non passibili di espulsione spontanea, è opportuno in linea di massima attenersi alla regola che il trattamento di prima scelta deve essere il trattamento meno invasivo, intendendo per minor invasività non solo una minor traumaticità fisica ma soprattutto una minor morbilità.

Inoltre occorre tenere in conto il tragitto che il calcolo deve compiere dal momento della diagnosi nonchè il tempo di osservazione. Per terapia medica di dissoluzione dei calcoli si intende la terapia litica cioè il trattamento farmacologico inteso alla dissoluzione del calcolo.

Questo tipo di trattamento è indicato prevalentemente per le calcolosi urica e cistinica che sono particolarmente sensibili al pH urinario e tendono a dissolversi in ambiente alcalino. A tal scopo sono stati impiegati il citrato di potassio in caso di calcolosi calcica ed il citrato di potassio in associazione con un trattamento antiobiotico a bassa dose in caso di calcolosi infetta. Calcoli nella prostata e nella vescica grove ga di questa modalità di trattamento non è tuttavia unanimemente accettata.

D'altra parte l'acidificazione delle urine rappresenterebbe la soluzione più razionale in caso di check this out fosfatica, che tende a formarsi in ambiente alcalino.

Tuttavia l'impiego di farmaci acidificanti è fortemente limitato dalla scarsa tollerabilità ed è scarsamente efficace in caso di persistente infezione da germi produttori di ureasi che è in grado di vanificare l'azione degli acidificanti anche ad alte dosi.

Non vi è dubbio che abbia rappresentato una delle maggiori rivoluzioni terapeutiche in campo urologico. Occorre precisare in termini generali le caratteristiche essenziali di un litotritore extracorporeo in modo da poterne valutare l'impiego sulla base dei requisiti. Caratteristiche dei litotritori Le caratteristiche tecniche principali che permettono una classificazione calcoli nella prostata e nella vescica grove ga litotritori extracorporei e la loro attribuzione alla "generazione" riguardano essenzialmente quattro caratteristiche: - modalità di generazione dell'onda d'urto; - focalizzazione sul calcolo dell'onda d'urto; - accoppiamento acustico tra paziente e onda d'urto; - ricerca e puntamento dell'urolita.

Occorre qui sottolineare che nel presente testo verrà usata la sigla SW Shock Waves per superare la necessità di specificare il tipo di litotritore usato quando si parla in generale di litotrissia extracorporea. Anche in questo caso l'onda PAG 33 1 AUrO line - Linee guida per la calcolosi urinaria d'urto viene generata nel primo fuoco di un'ellisse che serve a concentrare e focalizzare nel secondo fuoco l'energia prodotta [84,85].

I litotritori piezoelettrici generano multiple onde d'urto attraverso la stimolazione elettrica simultanea di multipli elementi piezoceramici posti sulla superficie interna di una semisfera dimodoché le singole onde prodotte si autofocalizzano sul calcolo posto nel centro fuoco della sfera [86,87]. Tale processo, ripetuto più volte, riduce il calcolo in frammenti [88,89,90]. In pratica, more info parità di energia somministrata, maggiore è la superficie cutanea interessata, minore è la sintomatologia dolorosa.

Tale principio è stato sfruttato dai litotritori di seconda e terza generazione che montando ellissoidi con ampia focale hanno reso possibile il trattamento di litotrissia in regime ambulatoriale il più delle volte senza fare ricorso ad alcun tipo di analgesia.

Solo questi ultimi pazienti sono da considerare clinicamente significativi. Un generico danno tubulare è stato read article da alterazioni enzimatiche in corso di trattamento e dopo il trattamento con SW.

Non sono stati calcoli nella prostata e nella vescica grove ga studi clinici randomizzati che confrontino i risultati ottenuti con i vari litotritori presenti sul mercato perchè sono molto pochi i centri che possono disporre di più litotritori di differenti tipi.

Pertanto le strategie di trattamento diverse da centro a centro e la disomogenea distribuzione dell'incidenza dei calcoli renali rendono impossibile una corretta stratificazione ed analisi dei dati clinici.

PAG 36 1 AUrO line - Linee guida per la calcolosi urinaria Dimensioni: esiste una relazione inversamente proporzionale tra la grandezza del calcolo e la percentuale di bonifica completa con SW. Calcoli nella prostata e nella vescica grove ga le dimensioni del calcolo è ormai accettato in letteratura che conviene trattare con SW calcoli che abbiano come diametro massimo 2,5 cm.

Il numero medio di sedute richiesto è in relazione alla massa calcarea ed è compreso tra 1,3 e 3,3 [,]. Il periodo medio di degenza oscilla tra 4,5 e i 18 giorni []. La SW pertanto andrebbe considerata la tecnica di prima scelta unicamente per calcoli []. Calcolando il costo del trattamento per rendere libero da calcoli il paziente, esso risulta essere inferiore per la SW come terapia primaria rispetto alla PCNL per calcoli inferiori ai 2 cm, mentre la PCNL è la forma di terapia primaria a minore costo per rendere libero da calcoli il paziente con calcoli superiori a 2 cm [].

VEDI 2. Legata alle dimensioni del calcolo è anche l'eliminazione go here frammenti. Calcoli nella prostata e nella vescica grove ga letteratura non è possibile indicare un atteggiamento terapeutico univoco da tenere in questa evenienza. Infatti i calcoli localizzati nel calice inferiore sono quelli che vengono eliminati con maggiore difficoltà ponendo a volte problemi di scelta terapeutica.

Elemento critico é l'eliminazione dei frammenti abitualmente molto più difficile per il polo inferiore rispetto a tutte le altre sedi. La SW non è efficace nel trattamento delle calcolosi in diverticolo caliciale.

Una preliminare SW è lecita nei casi di calcoli inferiori al centimetro di diametro, in diverticoli localizzati a livello dei calici superiori o medi con colletto ampio e corto. Infatti più fragile è il calcolo, più efficace sarà il trattamento. La percentuale di ritrattamento è del Morfologia della via escretrice. Nel trattamento di calcolosi multipla o di grandi dimensioni, la presenza di concomitante dilatazione della via escretrice superiore condiziona pesantemente la percentuale di successo della SW in monoterapia.

Quindi il trattamento SW in presenza di idrocalice è controindicato. E' questo un argomento che in passato é stato molto dibattuto ed inserito in molte delle classificazioni proposte, ma attualmente, considerato che negli Stati Uniti il diametro massimo di un calcolo da sottoporre a SW non deve superare i 2 cm, i casi di idrocalice sono meno frequenti e la letteratura si é disinteressata all'argomento. Tuttavia per quei casi di idrocalice con PAG 39 1 AUrO line - Linee guida per la calcolosi urinaria calcolosi pielica di 2 cm si preferisce il trattamento con PCNL https://fisiologica.valentinoshoe.in.net/2020-06-05.php si tratta per calcoli nella prostata e nella vescica grove ga più di calcoli impattati.

Non è fissato nemmeno il numero massimo di shock waves per ciascun trattamento nè il numero totale complessivo di shock waves che si possono con sicureza somministrare su ciascuna unità renale. I valori sono variabili a seconda del litotritore impiegato, poichè ciascun tipo di litotritore eroga onde con potenza differente; infatti per il calcoli nella prostata e nella vescica grove ga elettroidraulico è ipotizzabile un limite di SW, per quello elettromagnetico di e per quello piezoelettrico di Criteri del trattamento extracorporeo nella litiasi ureterale Benchè i criteri generali del trattamento con SW riguardanti dimensioni e durezza dei calcoli sopra espressi per la litiasi renale siano condivisibili calcoli nella prostata e nella vescica grove ga la litiasi ureterale, le particolari condizioni di sede dei calcoli ureterali e le conseguenze ostruttive che PAG 40 1 AUrO line - Linee guida per la calcolosi urinaria comportano, giustificano una puntualizzazione specifica per il trattamento SW della calcolosi ureterale.

Le percentuali di successo ottenute sui calcoli ureterali, mediamente più basse rispetto a quelle ottenute sui calcoli renali riportate soprattutto nelle esperienze preliminari, hanno suggerito l'opportunità di spingere il calcolo nel rene o di superarlo con uno stent in modo da ottenere una adeguata "camera di espansione". Questo tipo di impostazione, avvallata da alcuni sperimentatori, si basa sul seguente concetto: l'impossibilità da parte dei frammenti prodotti dalla prima fase del trattamento di allontanarsi dal nucleo centrale del calcolo crea multiple interfacce che, assorbendo le onde d'urto, impediscono una efficace litotrissia [].

In effetti i progressi tecnologici realizzati hanno modificato la strategia di approccio a tali calcoli. Lo stenting quindi inizialmente è stato di grandissimo aiuto per la localizzazione e calcoli nella prostata e nella vescica grove ga frantumazione del calcolo ma i litotritori più recenti hanno reso tale calcoli nella prostata e nella vescica grove ga non più necessaria.

E' tuttavia possibile che i risultati più scadenti ottenuti dopo SW in situ piuttosto che previa manipolazione endoscopica del calcolo, siano imputabili al fatto che in questo gruppo di trattamento venivano inseriti anche i calcoli non dislocabili o non superabili in quanto impattati. E' pertanto opinabile, alla luce delle modeste variazioni percentuali di successo che separano le tre modalità di trattamento indicate, se sia giustificata una strumentazione invasiva preliminare alle SW [,].

Non sono emerse differenze significative tra i due gruppi relativamente alla percentuale di procedure ancillari o di ritrattamenti necessari []. Nella definizione di questo concetto devono essere tenuti in conto due elementi: in primo luogo va verificato se questi frammenti, nonostante le dimensioni ridotte, possano sostenere situazioni cliniche impegnative almeno dal punto di vista sintomatologico; in secondo luogo va tenuta sempre in considerazione la possibilità che questi frammenti aumentino di volume fino a ripristinare un calcolo del volume originario.

Le percentuali di successo, di ritrattamento, di calcoli nella prostata e nella vescica grove ga di procedure ancillari sono state poste in relazione per introdurre il concetto di "quoziente go here efficienza" [] definito dalla formula nella TAVO LA 2. La gravidanza, le calcificazioni aortiche e gli aneurismi sia aortici che dell'arteria renale o di un suo ramo rappresentano controindicazioni assolute alle SW [].

Può il cancro alla prostata restituito dopo la brachiterapia

I disordini della coagulazione rappresentano in generale una controindicazione al trattamento ESWL. Peraltro, qualora i difetti della coagulazione, soprattutto quelli genetici, siano ben correggibili con la terapia farmacologica, la controindicazione viene a cadere se il paziente è in trattamento compensativo.

Sistemi di segnalazione e apprendimento. La misurazione della sicurezza. Errore umano ep en siero sistemico. Capire come mai le cose vanno male.

Polipi prostatici uomini

La cura dei pazienti danneggiati da un trattamento. Supporto al personale sanitario dopo eventi gravi. I sintomi dei calcoli vescicali possono divenire evidenti quando irritano la parete della vescica e includono: sangue nelle urine, difficoltà ulteriore d urinare, stimolo urinario frequente, dolori al basso ventre e a volte irradiati lungo il pene. More info terapia della calcolosi vescicale è sostanzialmente endoscopica e solo raramente chirurgica.

In questo sito usiamo i seguenti cookie: - Cookie necessari: per il funzionamento delle sessioni e di questo banner per cui non è necessaria il consenso preventivo. Prostata ingrossata: una nuova terapia il tasso di PSA dopo la rimozione del cancro calcoli nella prostata e nella vescica grove ga prostata Trattamento prostatite di farmaci indiani compresse vitaprost nelle farmacie di Mosca, il cancro alla prostata sale prostatilen prezzo 10 iniezioni. Secondo uno studio, cancro della vescica è uno del tipo più comune di cancro.

I sintomi della vescica e trattamento del. La chirurgia di rimozione della vescica o cistectomia è una procedura per rimuovere la vescica urinaria. È comunemente usato per trattare il cancro della vescica o altri tumori pelvici. Una persona dovrebbe andare in chirurgia sapendo cosa aspettarsi, durante e dopo this web page procedura, compresi i tempi di recupero, le prospettive e l'effetto sulla.

La TURP, o resezione transuretrale della prostata, è l'intervento di chirurgia per mezzo del quale si provvede alla rimozione parziale della prostata, negli uomini con ipertrofia prostatica benigna e problemi urinari associati. Un tumore alla vescica trattato più volte. Più di Le possibili cure contro il tumore del colon-retto sono la chemioterapia, la chirurgia, la radioterapia, le terapie locoregionali e i farmaci biologici.

Questi trattamenti possono essere utilizzati singolarmente o in. Una sanità sempre più di qualità e sicura è un obiettivo che presuppone un modello di governo clinico capace di mettere continuamente alla prova non solo la professionalità, ma anche la mentalità, le abitudini e icomportamenti di ogni operatore sanitario. Il riferimento deve essere sempre il paziente, adeguatamente informato per essere responsabile del proprio percorso di salute. La sicurezza nei percorsi sanitari e assistenziali, assieme al rispetto delle procedure e dei protocolli diagnostico-terapeutici, deve quindi divenire il principio su cui basare qualsiasi proposta organizzativa in sanità.

Skip to main content Skip to table of contents. Advertisement Hide. La sicurezza del paziente. Front Matter Pages i-xxiv. Front Matter Pages Breve storia degli eventi avversi in sanità. Pages Gli esordi della sicurezza del paziente. Integrazione di sicurezza calcoli nella prostata e nella vescica grove ga qualità. Sistemi di segnalazione e apprendimento. La misurazione della sicurezza. Errore umano ep en siero sistemico. Capire come mai le cose vanno male.

La cura dei pazienti danneggiati da un trattamento. Supporto al personale sanitario dopo eventi gravi. Interventi clinici e miglioramento del processo. Progettazione e sicurezza del paziente. Creare una cultura della sicurezza. Coinvolgimento del paziente nella propria sicurezza. Procedure, violazioni e derive. Le competenze che promuovono la sicurezza. II team crea la sicurezza. Organizzazioni sicure: riunire tutto. Sistemi sanitari a elevata performance.

Back Matter Pages About this book Introduction Una sanità sempre più di qualità e sicura è un obiettivo che presuppone un modello di governo clinico capace di mettere continuamente alla prova non solo la professionalità, ma anche la mentalità, le calcoli nella prostata e nella vescica grove ga e icomportamenti di ogni operatore sanitario. Formazione calcoli nella prostata e nella vescica grove ga personale sanitario Gestione del rischio La sicurezza del paziente Prevenzione del rischio.

Editors and affiliations. Buy options.